Le migliori letture per Halloween? Scoprile con noi!

Ottobre: un mese dalle atmosfere ultraterrene e misteriose.
Nebbie velate sui campi, nuvole scure che galleggiano di fronte alla luna, giornate sempre più corte e fredde… e in casa il fuoco acceso, una tisana e un buon libro! Cosa c’è di meglio?

Ma cosa leggere in queste giornate che sanno di magia e che, con Halloween in arrivo, ci ispirano a leggere racconti di orrore o mistero?

Due classici

Iniziamo con i grandi, intramontabili classici; quei racconti senza tempo che non stancano mai!

Dracula di Bram Stoker, Mondadori

In un tetro castello tra le nebbie della Transilvania, il giovane avvocato inglese Jonathan Harker è ospite del misterioso conte Dracula, con cui tratta l’acquisto di alcune case a Londra. Ipnotizzato dai modi affascinanti e sottilmente minacciosi del conte, Jonathan non ne comprende la reale natura, finché un giorno si ritrova prigioniero tra quelle mura e teme di non rivedere mai più l’amata Mina, che lo attende a Londra. Nel frattempo, però, una nave senza equipaggio raggiunge le coste inglesi, trasportando una diabolica presenza…
La morte, il sangue, l’amore, nel più celebre romanzo gotico di tutti i tempi. Una delle figure più inquietanti e sensuali della letteratura mondiale.

Bram Stoker ci trasporta nelle magiche atmosfere dell’Inghilterra vittoriana per raccontarci la storia di questo antico vampiro dal fascino tenebroso. Ci tiene incollati alle pagine in un susseguirsi di eventi raccontati direttamente dai protagonisti tramite scambi epistolari e pagine di diario.
Un classico immancabile nelle librerie di chi ama il sovrannaturale, il mistero ed ovviamente… i vampiri!

Obscura, tutti i racconti di Edgar Allan Poe, Mondadori

Nei suoi perfetti racconti Edgar Allan Poe ci ha rivelato il volto oscuro della modernità. Come scrisse di lui H.P. Lovecraft, altro grande maestro del terrore, Poe «ha visto con chiarezza che tutte le fasi della vita e del pensiero sono materia altrettanto fertile per l’artista, ma essendo un temperamento incline al macabro e al bizzarro, ha deciso di farsi interprete di quei formidabili sentimenti». Poe ha sentito che il motivo dominante del nostro tempo è l’angoscia, e di questa consapevolezza ha fatto il cuore dei suoi racconti del terrore: un dramma profondo che va oltre la pena della quotidianità, ma riguarda gli strati più antichi dell’anima. Le visioni più agghiaccianti, gli incubi più orrorifici si trasformano sotto la sua penna in un tripudio di immagini, in una febbre creativa, in un arabesco linguistico continuo. Un’opera, la sua, attraversata dal senso dello stupore e da un’intelligenza logica e glaciale, da una lucidità paradossale costantemente spinta all’estremo.

Questa raccolta dei racconti del Maestro Edgar Allan Poe è per i più coraggiosi! Già, perché le sue storie sono intrise di angoscia e terrore. Le atmosfere di questi racconti sono macabre al punto giusto e sono un ottimo intrattenimento da condividere con gli amici la sera di Halloween attorno a un fuoco, magari nelle vicinanze di un cimitero… ma attenzione a non rimanere “senza fiato”!

Qualcosa di... diverso!

Dopo i grandi classici, vi proponiamo una lettura differente dal solito.

I Mabinogion di Evangeline Walton, TEA (Teadue)

Opera “collettiva” di autori sconosciuti, a lungo tramandati in forma orale, i racconti dei Mabinogion rappresentano un compendio della mitologia gallese. La loro trascrizione risale alla metà del XII secolo ma la loro origine è molto più antica. Praticamente illeggibili per chiunque non abbia una profonda conoscenza delle forme linguistiche celtiche medievali, cominciarono a essere noti, tradotti in inglese, a partire dal 1850. Nelle mani di Evangeline Walton la materia di questi racconti di magia e di avventura si è trasformata in un ciclo di quattro romanzi, ponendosi come un importante esempio di narrativa fantastica moderna. Un’atmosfera magica, tra avventure di cavalieri e contese regali, amori contrastati, foreste oscure e spazi sconfinati.

Pur non essendo certamente parte della narrativa horror, questa raccolta di leggende romanzate trasporta indubbiamente in un mondo strano e a volte inquietante. Un libro perfetto da leggere nelle serate di ottobre se si preferisce qualcosa di meno spaventoso, ma comunque con elementi sovrannaturali. Un ottima occasione anche per acculturarsi sui miti gallesi!

Per un pubblico più giovane...

Concludiamo i nostri consigli letterari con due letture dedicate ad adolescenti e giovani adulti, ma nessuno impedisce ai più “attempati” di accomodarsi e leggere questi due libri, che sono difatti molto intriganti! (Tranquilli, non lo diremo a nessuno!)

I diari della mezzanotte di Scott Westerfeld, Newton Narrativa

Allo scoccare della mezzanotte, dalle pieghe del tempo nasce un’altra ora, in cui il mondo si congela, le normali leggi fisiche vengono sospese e creature letali tornano da un passato antichissimo, di nuovo in caccia, di nuovo affamate. Solo chi è nato a mezzanotte in punto, come Jessica e i suoi amici, può muoversi nell’ora segreta. Per quei sessanta minuti, ogni giorno, il mondo si colora di una spettrale luce blu e tutti gli esseri umani si paralizzano, tranne loro. E i difetti per cui a scuola gli altri studenti li prendono in giro si trasformano in incredibili doni: Rex acquista una vista speciale, Melissa legge nel pensiero, Dess forgia armi mortali e Jonathan sa volare. Ma anche Jessica ha un dono. E proprio per questo le creature della mezzanotte cercano così disperatamente di ucciderla. I diari della mezzanotte è una saga da leggere tutta d’un fiato, quando calano le ombre della notte. Un mondo fantastico che colora di blu il grigio della vita quotidiana, un universo magico in cui gli incubi possono diventare realtà.

Composta da tre romanzi (L’ora segreta, Dentro le tenebre e I cacciatori della notte), questa trilogia trascina in un mondo diviso in due. Il lettore si ritrova coinvolto nelle avventure, travolgenti e a volte sconcertanti, di Jessica e dei suoi amici. Spaventoso e strano al punto giusto, è una lettura perfetta per il periodo di Halloween!

Coraline di Neil Gaiman, Mondadori

In casa di Coraline ci sono tredici porte che permettono di entrare e uscire da stanze e corridoi, e poi ce n’è una, la quattordicesima, che dà su un muro di mattoni. Un giorno Coraline scopre che dietro la porta si apre un corridoio scuro, e alla fine del corridoio c’è una casa identica alla sua, e nella cucina della casa vive una donna uguale a sua madre. Quasi uguale, anzi, perché al posto degli occhi ha due lucidi bottoni, attaccati con ago e filo. Amorosa e attenta, l’altra madre le chiede di diventare sua figlia: in cambio avrà tutto ciò che desidera. Ma Coraline, bambina saggia e intrepida, capisce subito di essere finita in una ragnatela fatta di nebbia e tenebra, al cui centro c’è un ragno straordinariamente pericoloso. E sa che, tra incanti e spaventi, gatti parlanti e spettri bambini, topi musicisti e vecchie attrici indomabili, toccherà a lei sconfiggere il buio e liberare i prigionieri dell’altra madre… 

Un racconto del grande Neil Gaiman dedicato ai più giovani (l’età consigliata di lettura è dai 10 anni in su), ma assolutamente adatto anche agli adulti, che coinvolge il lettore in momenti di mistero, suspense e… paura! Perché tutti, inclusi i bambini, adorano condire la propria vita con un po’ di sano spavento… ammettiamolo!

E con questo vi salutiamo e vi auguriamo felici (e spaventose) letture nelle sere di Halloween, ricordando (come dicono i cittadini della città di Halloween in Nightmare Before Christmas) che la vita non è divertente senza un buon spavento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scroll to top